“Si torna ad atmosfere passate con 3 serate live di musica swing, 150 mq di pedana in legno su cui si alterneranno esibizioni di lindy hop, balboa e jazz step, con tantissimi ospiti e le più importanti scuole di Roma e Napoli.”

Lezioni di prova gratuite

 “Watch Your Step!

Lezione a cura di Stefano Zenni

Come la danza ha plasmato la musica afroamericana, dal cakewalk al Lindy Hop”. Gli appassionati di jazz ascoltano la musica, gli appassionati di danza la ballano. Ma è necessario unire le due esperienze per comprende che si tratta di una realtà espressiva unica, il cui sviluppo storico, che ripercorriamo con immagini, ascolti e filmati, presenta sorprendenti elementi di cambiamento e continuità.

Curriculum:

Stefano Zenni è titolare della cattedra di Storia del jazz presso il Conservatorio di Bologna. Da 25 anni è il direttore della rassegna MetJazz presso la Fondazione Teatro Metastasio di Prato. Ha diretto il Torino Jazz Festival dal 2013 al 2017.

E’ autore di vari libri su Louis Armstrong (Satchmo. Oltre il mito del jazz, nuova edizione 2018), Herbie Hancock, Charles Mingus, tra cui I segreti del jazz e la vasta Storia del jazz. Una prospettiva globale (Stampa Alternativa). Che razza di musica. Jazz, blues, soul e le trappole del colore (EDT) ha suscitato un vivace dibattito in ambito musicale.

Dal 2012 tiene con successo la serie di Lezioni di jazz presso l’Auditorium Parco della Musica di Roma.

E’ stato a lungo collaboratore di Musica Jazz e del Giornale della Musica. Redige le voci jazz per Dizionario Biografico degli Italiani (Treccani) e del Grove Dictionary of Jazz. E’ stato candidato ai Grammy Awards come autore delle migliori note di copertina.

Collabora da oltre 20 anni con Rai Radio3.

STORIA

Il Lindy Hop è un ballo swing afroamericano nato ad Harlem, New York, negli anni 20/30 del secolo scorso, in un’epoca immediatamente precedente al periodo della Grande Depressione.

L’epoca dello Swing è stata uno dei momenti più radicalmente importanti della storia del jazz ed il Lindy Hop il primo vero fenomeno culturale di massa, che superando anche le discriminazioni razziali imperanti a quell’epoca, vide centinaia di ballerini affollare ogni sera i locali di Harlem, dove si esibivano le più grandi band Swing di tutti i tempi.

Intorno alla fine degli anni 80 c’è stata una vera e propria riscoperta da parte di appassionati sia negli Stati Uniti che in Europa del Lindy Hope della musica Swing, che tra gli anni novanta ei duemila ha dato luogo all’esplosione di un vero e proprio fenomeno culturale che conta oggi milioni di appassionati in tutto il mondo, compresa Cina, Corea, Giappone ed Australia.